PDF Stampa E-mail
La selezione dei pavimenti

I pavimenti Roccato di Ostuni sono realizzati, in
tutte le selezioni, con pietra naturale calcarea anticata.
Le caratteristiche geologiche delle pietre fanno si che
queste presentino variazioni naturali che rendono
unico ogni singolo pezzo. Cambiamento di tonalità,
bordi sbavati, macchiature e venature sono presenti in
ogni selezione. L’effetto anticato è ottenuto con le
operazioni di “burattatira”, che rende i bordi
tondeggianti e la superficie lievemente ruvida.
La selezione è effettuata secondo tre scelte chiamate
40-60-90 anni, le quali differiscono per la presenza
di irregolarità sulla superficie.
Visualizza Brochure
pavimenti.jpg
La finitura spazzolata

Come il calpestio secolare rende la pietra lucente come
la seta e “morbida” nella forma, così la levigatura della
pietra effettuata con spazzole abrasive produce una
superficie satinata e leggermente ondulata.
Visualizza Brochure
 finitura_spazzolata.jpg
La finitura sabbiata

Mediante l’operazione di sabbiatura effettuata
con una graniglia metallica fine, si ottiene una
superficie uniformemente ruvida, che tende a
rendere il colore della pietra chiaro e omogeneo.
Date le caratteristiche antiscivolo, tale finitura
è indicata per le pietre posate in luoghi quali
i bordi piscina o le scale esterne.
Visualizza Brochure
 finitura_sabbiata.jpg
I Lavabi

Quasi una virtù magica consente di plasmare l’essenza
lapidea in forme sinuose ed in toni cangianti.
I lavabi “Roccato di Ostuni” danno forma moderna
a vecchi e caratteristici manufatti, componendo
un mondo che è vera forza poetica tra percezione
e conservazione.
I lavabi possono essere realizzati con masselli di pietra
di colore beige, giallo o noce. Le dimensioni sono
personalizzabili, con altezza massima di 25 c.
Visualizza Brochure

 lavabi.jpg
Gli Opus Trame indicate da un passato sapiente

Opus è una termine latino che significa lavoro, opera.
In architettura indica tecniche di rivestimento pavimentale a mosaico.
A seconda delle dimensioni delle tessere, delle tecniche adoperate per
il loro montaggio e delle loro funzioni, gli antichi attribuivano nomi
differenti ai mosaici, denominandoli opus sectile, tesselatum,
vermiculatum, spicatum, etc.
Una teoria infinita di disegni, greche, schemi e forme ci ricorda il
sapere antico di “tessiture” ancora attuali.
In questa sezione indichiamo con opus alcune modalità
di disposizione delle pietre.
Visualizza Brochure
 opus.jpg
Le chianche

Per “chianca” si intende una lastra di roccia
di notevole peso e dimensione con cui venivano
realizzate anche le strade. La nostra produzione
ripropone una pietra tranciata a finitura anticata
con superficie irregolare dello spessore di 4/6 cm.
Ideale per la posa in esterno.
Visualizza Brochure
 chianche.jpg
Gli scalini

Gli scalini a finitura anticata burattata hanno spessore
di 4,8 cm e sono composti da pezzi di diversa
lunghezza, la cui dimensione massima è 60 x 40 cm
(vedi pag. 10 e 16). In alternativa possono essere realizzati
in un unico pezzo con finitura levigata, spazzolata
o sabbiata, dello spessore di 3, 4 o 5 cm.
Visualizza Brochure
 scalini.jpg